Significato del nome

I nomi o sostantivi sono tradizionalmente divisi in classi: propri o comuni; individuali o collettivi; numerabili o non numerabili; concreti o astratti.

Il nome proprio è quello che si dà a una persona, a un popolo, a un’animale, a un luogo per individuarlo precisamente e distinguerlo da tutti gli altri. I nomi propri di persona, popolo antico, animale e luogo sono scritti con iniziale maiuscola (Federica, i Sumeri, Poldo, Roma). I nomi di popoli moderni possono essere scritti con iniziale minuscola (gli italiani).

Il nome comune serve a individuare le persone, gli animali o le cose appartenenti a una stessa categoria (uomo, cavallo, casa). I nomi comuni possono essere individuali (scolaro) o collettivi (scolaresca), numerabili (lingotto) o non numerabili (oro), concreti (libro) o astratti (libertà).

Nomi propriNomi comuni
FedericoIl bambino
PlutoIl cane
RomaLa città
Il TevereIl fiume
Nomi individualiNomi collettivi
Lo scolaroLa scolaresca
La personaLa folla
Il giocatoreLa squadra
Il caneIl branco
L’apeLo sciame
La pecoraIl gregge
La fogliaIl fogliame
Il vasoIl vasellame
La melaLa frutta
Nomi numerabiliNomi non numerabili
Il lingottoL’oro
Il quadroLa bellezza
Il granelloLa sabbia
Il bicchiereIl latte
Il piattoLa fame
Nomi concretiNomi astratti
La casaLa tranquillità
Il quadroLa bellezza
Il boscoLa nostalgia
Il caneLa fedeltà