Posizione del pronome di forma debole

La collocazione dei pronomi riflessivi, oggetto diretto e indiretto di forma debole dipende dal modo del verbo.

Con i verbi di modo indicativo, condizionale, congiuntivo e con l'imperativo formale, i pronomi di forma debole devono essere collocati prima del verbo.

Indicativo
Pronome riflessivo Ti alzi alle sette domani ?
Pronome oggetto diretto Lo chiami ?
Pronome oggetto indiretto Gli telefoni ?
Condizionale
Pronome riflessivo Ti alzeresti, per favore ?
Pronome oggetto diretto Lo chiamesti, per favore ?
Pronome oggetto indiretto Gli telefonesti, per favore ?
Congiuntivo
Pronome riflessivo Magari Paolo si alzasse !
Pronome oggetto diretto Magari qualcuno lo chiamasse !
Pronome oggetto indiretto Magari qualcuno gli telefonasse !
Imperativo formale
Pronome riflessivo Lei ... si alzi !
Pronome oggetto diretto Lei ... lo chiami subito !
Pronome oggetto indiretto Lei ... gli telefoni subito !
*

Con l'imperativo informale e i verbi di modo indefinito (infinito, participio, gerundio), i pronomi di forma debole devono essere collocati dopo il verbo o l'ausiliare e uniti ad esso.

Imperativo informale
Pronome riflessivo Svegliati !
Pronome oggetto diretto Chiamalo !
Pronome oggetto indiretto Telefonagli !
Infinito presente
Pronome riflessivo È meglio svegliarsi presto.
Pronome oggetto diretto È meglio chiamarlo presto !
Pronome oggetto indiretto È meglio telefonargli presto !
Infinito passato
Pronome riflessivo Essersi svegliati presto è stata una buona idea.
Pronome oggetto diretto Averlo chiamato subito è stata una buona idea.
Pronome oggetto indiretto Avergli telefonato subito è stata una buona idea.
Participio passato
Pronome riflessivo Svegliatosi tardi, Mario non fece in tempo ad arrivare.
Pronome oggetto diretto Chiamatolo in tempo, Mario riuscì a risolvere il problema.
Pronome oggetto indiretto Spiegatogli cosa serviva, Mario riuscì a risolvere il problema.
Gerundio presente
Pronome riflessivo Svegliandoti presto, arriverai in tempo.
Pronome oggetto diretto Chiamandolo in tempo, Mario riuscirà a risolvere il problema.
Pronome oggetto indiretto Spiegandogli la strada, Mario riuscirà ad arrivare in tempo.
Gerundio passato
Pronome riflessivo Essendoti svegliato presto, sei arrivato in tempo.
Pronome oggetto diretto Avendolo chiamato in tempo, Mario riuscì a risolvere il problema.
Pronome oggetto indiretto Avendogli spiegato la strada, Mario riuscì ad arrivare in tempo.

Ausiliari di modo

Se l'ausiliare di modo è coniugato nel modo indicativo, condizionale, congiuntivo, i pronomi di forma debole possono essere collocati prima dell'ausiliare o dopo il verbo all'infinito e uniti ad esso.

Indicativo
Lo devo chiamare.
Devo chiamarlo.

Con i verbi di modo indefinito (infinito, participio, gerundio), i pronomi di forma debole possono essere collocati dopo il verbo modale o dopo il verbo all'infinito e uniti ad esso.

Gerundio presente
Dovendomi svegliare presto, sono andato a dormire.
Dovendo svegliarmi presto, sono andato a dormire.

Ausiliari di tempo

Se l'ausiliare di tempo è coniugato nel modo indicativo, condizionale, congiuntivo o imperativo formale, i pronomi di forma debole possono essere collocati prima dell'ausiliare o dopo il verbo all'infinito e uniti ad esso.

Indicativo
Lo vado a cercare.
Vado a cercarlo.

Con l'imperativo informale e i verbi di modo indefinito (infinito, participio, gerundio), i pronomi di forma debole devono essere collocati dopo il verbo all'infinito e uniti ad esso.

Nel parlato informale possono essere collocati dopo l'ausiliare e uniti ad essi.

Imperativo informale
Vai a cercarlo.
Vallo a cercare.
Infinito presente
Non mi va di andare a cercarlo.
Non mi va di andarlo a cercare.
Cerca una pagina