Completiva oggettiva implicita

Pagine collegate apri

Le proposizioni completive completano la proposizione principale.

*

I verbi "fare" e "lasciare" seguiti dall'infinito assumono una funzione causativa: reggono una proposizione completiva oggettiva implicita che esprime un'azione che il soggetto obbliga a compiere o consente di compiere ad altri.

Se i verbi "fare" e "lasciare" sono nella diatesi riflessiva, l'azione ricade sul soggetto.

Questo tipo di proposizione può anche essere esplicita: completiva oggettiva con il verbo lasciare e circostanziale finale con il verbo fare.

Fare + infinito

Faccio giocare Mario.

Faccio vedere un film a Mario.

Mi faccio dare un libro da Mario.

Lasciare + infinito

Lascio riposare Mario.

Lascio prendere un libro a Mario.

Mi lascio andare.

*

I verbi transitivi di percezione reggono una proposizione completiva oggettiva implicita con l'infinito.

Questo tipo di proposizione può essere anche esplicita: completiva oggettiva (vedo che Mario esce) o relativa (vedo Mario che esce).

Vedere, guardare, sentire, ascoltare, udire + infinito

Vedo uscire Mario.

Sento abbaiare un cane.

Ascolto Mario cantare.

*

I verbi transitivi che esprimono un desiderio o uno stato d'animo reggono una proposizione completiva oggettiva implicita con l'infinito.

Il soggetto della principale coincide con il soggetto logico della dipendente.

Se il soggetto della dipendente è diverso da quello della principale si può avere una proposizione esplicita.

Desiderare, intendere, preferire ecc. + infinito

Desidero uscire.

Amare, odiare, adorare ecc. + infinito

Amo camminare in un parco.

  

Cerca una pagina



su giù
Privacy & Cookies