Completiva obliqua implicita

Le proposizioni completive completano la proposizione principale.

*

La proposizione completiva obliqua implicita fa da complemento indiretto a una proposizione principale contenente:
- i verbi transitivi che esprimono un’esortazione o un’accusa (A, DI + infinito);
- i verbi che esprimono sforzo e le locuzioni che esprimono un’inclinazione o un’opinione (A, DI + infinito);
- alcuni verbi e locuzioni che esprimono un’opinione, uno stato d’animo o una percezione (DI + infinito).

*

Convincere, coinvolgere, costringere, obbligare, spingere, trattenere, invitare, esortare, incitare, aiutare, accompagnare, portare, mandare, ecc. + A + infinito presente

Principale Subordinata
Ho aiutato Mario a finire i compiti.

Pregare, incaricare + DI + infinito presente

Principale Subordinata
Ho pregato Mario di mettere in ordine.

Accusare, incolpare, rimproverare + DI + infinito presente o passato

Principale Subordinata
Ho accusato Mario di essere disordinato.
Ho accusato Mario di aver messo tutto in disordine.

Provare, faticare, riuscire, imparare, insegnare, tendere, contribuire, ecc. + A + infinito presente

Principale Subordinata
Provo a guidare quella moto.

Impegnarsi, allenarsi, esercitarsi, dedicarsi, ecc. + A + infinito presente

Principale Subordinata
Mi impegno a mettere in ordine.

Sforzarsi + A, DI + infinito presente

Principale Subordinata
Mi sforzo di mettere in ordine.

Offrirsi + DI + infinito presente

Principale Subordinata
Mi offro di mettere in ordine.

Vedere, cercare (nel significato di impegnarsi, sforzarsi) + DI + infinito presente (informale)

Principale Subordinata
Vedi di mettere in ordine.
Cerca di mettere in ordine.

Essere abituato, bravo, veloce, incline, portato, disponibile, adatto ecc. + A + infinito presente

Principale Subordinata
Sono bravo a guidare quella moto.

Essere capace + A, DI + infinito presente

Principale Subordinata
Sono capace di guidare quella moto.

Fare bene, male, meglio, in tempo ecc. + A + infinito presente

Principale Subordinata
Hai fatto bene a mettere in ordine.

Essere favorevole, contrario + A + infinito presente

Principale Subordinata
Sono favorevole a partire.

Essere felice, triste, entusiasta, contento, consapevole, sicuro, convinto ecc. + DI + infinito presente

Principale Subordinata
Sono felice di partire.

Avere paura, voglia, intenzione, bisogno, la speranza, la certezza, la possibilità, la capacità, l’abitudine ecc.+ DI + infinito presente

Principale Subordinata
Ho voglia di partire.
Non vedo l’ora di partire.

Non c’è motivo, non c’è tempo ecc. + DI + infinito presente

Principale Subordinata
Non c’è motivo di tornare.
È ora di tornare.

Sentirsi + DI + infinito presente

Principale Subordinata
Non mi sento di partire.

Accorgersi, rendersi conto + DI + infinito passato

Principale Subordinata
Non mi sono accorto di avere preso la direzione sbagliata.