Dislocazione

Nell'italiano neostandard, si usa la dislocazione per mettere in evidenza l'argomento della frase (un complemento oggetto o un complemento indiretto), anticipandolo o ripetendolo con un pronome di forma debole o con una particella.

Nella dislocazione a destra, l'argomento è posto alla fine della frase ed è anticipato dal pronome o dalla particella.

Nella dislocazione a sinistra, l'argomento è posto all'inizio della frase ed è seguito dal pronome o dalla particella.

O (diretto)

S - V

O (diretto)

Frase semplice

 

Tu vuoi

il caffè ?

Dislocazione a destra

Lo

vuoi

il caffè ?

Lo

offri tu

il caffè ?

Dislocazione a sinistra

Il caffè, lo

vuoi ?

 

Il caffè, lo

offri tu ?

 

O (indiretto)

S - V

O (indiretto)

Frase semplice

 

Tu telefoni

a Giuseppe ?

Dislocazione a destra

Gli

telefoni

a Giuseppe ?

Gli

telefoni tu

a Giuseppe ?

Dislocazione a sinistra

A Giuseppe, gli

telefoni ?

 

A Giuseppe, gli

telefoni tu ?

 

Complemento indiretto

S -V

Complemento indiretto

Frase semplice

 

Tu vieni

al cinema ?

Dislocazione a destra

Ci

vieni

al cinema ?

Ci

vieni anche tu

al cinema ?

Dislocazione a sinistra

Al cinema, ci

vieni ?

 

Al cinema, ci

vieni anche tu ?

 



  



Pagine collegate

Grammatica - Frase semplice

Grammatica - Frase composta

Grammatica - Frase coordinata

Grammatica - Frase complessa

Grammatica - Frase scissa

Grammatica - Che polivalente

Grammatica - Dislocazione

Grammatica - Se polivalente



Ti potrebbero interessare anche

Grammatica - Condizionale presente - Uso

Grammatica - Aggettivi possessivi

Esercizi - Possessivi

Esercizi - Indicativo futuro semplice

Argomenti - Ballare, cantare, suonare

Argomenti - Amore e altre emozioni